domenica 25 giugno 2017

Pol Roger en plein air


- del Guardiano del Faro -


Alassio - Come si diceva un tempo, questa è una ragazza da sposare, perché sa far tutto, anche smacchiare la mia povera polo finita vittima di troppi assaggi  di cucina. Sa far, tutto. Farcisce i fiori di zucca, pulisce i calamari, impiatta qualsiasi preparazione quando il cuciniere Masala deve provvedere ad altro. E poi lava i piatti, sorride sempre, trova il tempo per andare anche in palestra e così tenersi in bella forma. Brava Corina!


La formula proposta, e cioè quella di riproporre lo stesso evento a pranzo e cena sta cominciando ad essere recepita, persino in una stagione dove si va più in spiaggia che a pranzare elegantemente a botte di Champagne e crostacei.

La sera fai il pieno, quasi ovvio, ma riuscire a far passare il messaggio del pranzo in giardino è una piccola ma bella soddisfazione sia per me che per Gianni Gaibisso e Andrea Masala, che così hanno il tempo di prendere le misure sui dettagli che saranno messi a fuoco per arrivare all'ora di cena con una consapevolezza diversa.

I clienti possono venire in una forma più rilassata -magari la sera  hanno da fare altro- portandosi pure i bambini, al fresco del giardino, e godersi per tutto il tempo una giornata fatta di lusso e voluttà, in regime di no stress. Per chi lavora in sala c'è il tempo di prendere confidenza con i piatti e con i vini. In più, il cuciniere può confrontarsi con gli stessi clienti ed eventualmente aggiustare il tiro su -a volte capita- su un piatto non particolarmente convincente. Dettagli che faranno la differenza.


 Andrea Masala


 Ne hanno mandata una sola, ma di misura congrua al Gaibisso

Vedi, a pranzo saranno tre i tavoli, mentre la sera è full 

Ostriche: Ancelin con pere, Perle Noir con aria di limone e Belon nature 

Acciughe farcite e fritte  

Sono cinque le etichette di Pol Roger che andremo ad assaggiare, più (fuori onda) una sciabolata di Winston Churchill 2002 che sta imperversando su FB. 

Gambero viola, zucchina trombetta e mela


Gambero rosa, tuorlo d'uovo e pecora Brigasca 

Il prebuggiun nel raviolo con guazzetto di molluschi 


L'astice fumè nella sua bisque con asparagi viola e zucchine 

 Fabio continua a stappare, da un millesimo all'altro


 C'è anche il Rich, per fortuna non troppo dosato

E per fortuna c'è sempre Corina, anche nel ruolo di smacchiatrice. Secondo me sa anche stirare benissimo 

La pesca

E poi ho lasciato spazio alla mannaia. Grandissimo questo.

... anche concierge d'hotel ...




gdf

gdf

venerdì 23 giugno 2017

Il venerdì del DJ : Lanson Champagne Gold Label Brut 2005



Uve provenienti dai prestigiosi villaggi Grand Cru di Avize, Bouzy, Le Mesnil-sur-Oger, Trepail e Verzenay, per un blend sostanzialmente diviso a metà – fatta salva qualche minima correzione percentuale - tra Pinot Nero e Chardonnay.

I vini della casa non svolgono mai malolattica, per preservare la freschezza e sviluppare maggiormente l’espressività degli aromi. Dégorgement in dicembre 2014, ergo, lunghissima sosta sui lieviti, con dosaggio a 8 gr./lt.

Freschezza e maturità che ben coesistono in un naso, fortunatamente solo all’inizio, di forte impatto boisé. Pochi attimi di respiro e la boccia, liberandosi dal velo legnoso, espone il suo corredo: miele e frutta secca, lieviti da forno e note fruttate – mela e tanti agrumi – con delicato incipit minerale e nervature tostate.

Bocca ampia, che ribadisce le sensazioni mature, già incontrate in ambito olfattivo.
Molta frutta candita – cedro, arancia e albicocca – e diffuse note minerali, con incipienti impronte oxyd.

Chiude speziato, con qualche flessione circa la tensione del sorso e la sua persistenza.

La maison ha accettato la sfida anche per questo millesimo che, l’ho scritto più volte, continua a non convincermi e, a tutt'oggi, ogni bevuta non dissipa i miei interrogativi.

giovedì 22 giugno 2017

La Rosa dei venti


- gdf -


Albisola Superiore (SV)Guidato da Luciano Bertello, formidabile organizzatore di eventi food and wine haute de gamme in Langhe e Roero, scopro questa enclave culturale, dove il cibo è parte integrante di un'idea di ristorazione alternativa di grande successo. Piccolo luogo, grande fascino.


Non c'è un menù, perché Rosa e i suoi collaboratori preparano il pranzo e la cena con quel che offre il mercato del pesce e delle verdure il mattino stesso, e lo servono senza soluzione di continuità nelle due salette interne di giorno o anche all'aperto la sera.

All'interno, rinfrescati da un profumo di cucina inevitabilmente buona, lo capisci dal profumo, perché l'ambiente e la cucina sono la stessa cosa. Spazi pudicamente divisi da un separé mobile, che ti consente di sentire i profumi ma non di vedere che cosa ti arriverà nel piatto.

Rosa, la sciamana nella terra della ceramica, con il suo bastone sciamanico e un look istrionico affascinante. Non è tutto fumo, è solo arrosto, oppure spadellato, infornato o fritto, ma senza odore di fritto.

In attesa di un Billecart Salmon d'aperitivo riconosciamo da sinistra Remo Bertello (bon vivant), Gemma Boeri (principessa dell'insalata russa e dei tajarin a Roddino - CN-), Luciano Bertello, Rosa Apicella (padrona di casa). Il fusto non mi ricordo ma è contitolare di un ristorante a Prato Nevoso, Le Stalle, dove ospita spesso delle stelle della cucina. Infine Beppe Scavino, grande pasticcere di Alba.

Il locale, che è un Circolo Culturale,  è situato in Via Colombo, a due passi dalla passeggiata lungomare di Albisola Superiore 

Tra vetri e ceramiche, il colore vincente è il blu con le sue declinazioni marine 


Il bastone sciamanico 

L'apparecchiatura è degna di un ottimo ristorante 

Una bollicina all'aperto. Non mi hanno lasciato sciabolare ... ci hanno già pensato loro a rompere un'altra bottiglia :-) 

La sac canard per la Nikon trova subito la sua miglior collocazione

La nipote di Rosa si occupa del servizio 

Grissini e focaccia. E' Piemonte e  Liguria 

Luciano ci ha portato le albicocche dal Roero, staccate stamattina dalle sue piante 

Più fresche di così. Appena marinate. Una delizia 

La fresca formaggetta di Stella, sulle alture di Albisola 

Insalatina fresca con frutta fresca e frutta secca 

Gambero appena gratinato in crema ... credo di porri 

Gamberoni all'arancia 

Il fritto di calamaretti e zucchine 

Micro gnocchetti di patate in ragù di pescatrice al pesto 

Veramente piccini ... che manualità per farli. 

Un filettino di pesce bianco -credo orata- con intingolo ai capperi 

 Crostatina alle ciliegie come piccola pasticceria

Il sorbetto di fragole in salsa di pesca e frutti rossi 

Il drink defatigante al basilico 

 Grazie Rosa, alla prossima


Via Colombo, 80, 17011 Albisola Superiore SV
Aperto pranzo e cena